Neve, Cane, Piede di Claudio Morandini

Neve, Cane, Piede di Claudio Morandini exorma

«Neve, Cane, Piede», l’ultimo romanzo di Claudio Morandini (edito Exòrma Edizioni) si potrebbe presentare come l’ennesimo romanzo di montagna. Quella storia dalla quale aspettarsi un vecchio uomo in cerca di solitudine, una baita circondata dalla neve e un saggio segugio da accudire tra un pezzo di formaggio e un sorso di vino. 

Nulla di più sbagliato.

Abbiamo davanti un caso anomalo, una prova che nonostante abbia radici nel modello letterario svizzero e si serva di alcuni elementi canonici, riesce ad andare oltre, sperimentando, facendo della narrazione un gioco assai fino.

Adelmo Farandola ha scoperto la solitudine da giovane, trovando in essa un riparo, una via di fuga per scappare dai pericoli della vita. Disabituato al rapporto con terzi, a un equilibrio personale stabile, barcolla tra passato e presente in una bufera di dimenticanze. Sarà un cane parlante, in pieno stile landolfiano, a costringere Adelmo a tirar fuori la sua umanità ormai perduta. 

Neve, Cane, Piede di Claudio Morandini

Un anziano chiuso dentro sé stesso, un animale parlante e un piede sul quale sarebbe meglio non dire nulla. Tutti elementi circondati da un senso di sospensione, come se il tempo non contasse nulla e fosse fagocitato dalla magia. A fare da sfondo è proprio quel mondo magico che per Morandini non ha nulla di consolatorio.

La salvezza scompare davanti una natura ostile fatta di persone difficili, necessità materiali e da montagne sulle quali trovare una finta speranza. Una montagna nella quale più si sale e più si sprofonda.

-sgela, sgela- implora Adelmo Farandola alla finestra, perché da ieri non c’è più cibo.
-sgela, sgela- piange il cane, che si ricorda di quella vecchia intenzione di Adelmo Farandola, di mangiare lui.

Saranno i rapporti con gli animali parlanti a sottolineare aspetti inediti, allo stesso tempo ironici e grotteschi, sui quali Morandini dimostra di divertire e divertirsi.

Neve, Cane, Piede è un oggetto metaletterario, un libro sull’indifferenza e la pietà. L’indifferenza manifestata durante il nostro abbandono. La pietà, un elemento che tra la neve mostra il suo candore, quella di un uomo nascosto nell’antro di una grotta, uno spazio materno nel quale racchiudere le nostre paure.

Vi lascio inoltre, una piccola intervista grazie alla quale guardare al romanzo da una prospettiva del tutto diversa. Un libro del quale sentiremo sicuramente parlare.

Autore: Claudio Morandini
Editore: Exòrma Edizioni
Collana: Qui si scrive male
_______
tag #Italia #Montagna

Dalla Montagna:

Paolo Cognetti: La prossima strada mi porterà ancora più dentro la montagna.

Paolo Cognetti: La prossima strada mi porterà ancora più dentro la montagna.

Andrea PennywiseNov 13, 20165 min read

Il ritorno di Paolo Cognetti è stato una festa.  «Le Otto Montagne», il suo primo vero romanzo, è stato presentato alla Gogol & Company di Milano in compagnia di Matteo B. Bianchi. Si è discusso dell’amicizia tra uomini, di padri…

Le Otto Montagne di Paolo Cognetti einaudi

Le Otto Montagne di Paolo Cognetti

Andrea PennywiseNov 26, 20163 min read

Un passo dietro l’altro, attento nell’evitare ogni ostacolo, sulle orme di chi ha un posto speciale nella nostra vita. Ne «Le Otto Montagne», il primo vero romanzo di Paolo Cognetti (Einaudi), il sentiero inedito tutto da seguire verso un’esperienza sorprendente…