Regno Animale: il bestiario poetico di Gabriela Mistral

Regno Animale: il bestiario poetico di Gabriela Mistral

Gabriela Mistral è stata la prima donna latinoamericana ad aver vinto il Premio Nobel alla letteratura nel 1945. Nonostante una parentesi tutta italiana, in cui la poetessa cilena ebbe modo di vivere a Napoli e di consolidare la sua passione per la prosa di Gabriele D’Annunzio, le traduzioni delle sue opere nel nostro paese sono quasi del tutto inesistenti.  Così Edicola Ediciones ha finalmente messo fino a questa grave mancanza pubblicando il suo Regno Animale.

«Regno Animale, prosa poetica dell’acqua e del vento», così recita la copertina di questo volume illustrato. Animali, natura e poesia si intersecano in un racconto colorato dai diversi livelli di lettura.

Il coccodrillo, la foca e il rospo sono i portatori di uno sguardo diretto sul mondo, l’immersione tra le acque crea il mistero pronto a scomparire e a tramutarsi, nel momento dell’emersione, in un nuovo sentimento. L’animale acquatico e l’uomo risultano essere le due entità pronte a relazionarsi sullo stesso livello, a conoscersi e confrontarsi da pari.

Così non è per il cielo e per gli uccelli, da quelli solitari come l’aquila o la cicogna, a quelli dello stormo, del gruppo. La moltitudine di sentimenti che guardano l’uomo dall’alto, sovrapponendosi ad esso, in un viaggio fatto di percorsi multiformi.

-Però da che parte vanno?
-Si sono persi e non lo sanno?

-Ma che pensiero balzano,
non si perde il pellicano!
Noi si, che ci perdiamo (…)

Quella della Mistral è una poesia capace di porre domande, di interrogare il lettore attraverso la più semplice narrazione. Come se mostrando immagini, raccontando piccole vicende o aneddoti relativi all’animale protagonista, si potesse arrivare a una sorta di insegnamento velato.

Mi sono approcciato a una prosa che trae significato grazie alle sue immagini e non alla ricerca di parole e linguaggio. Così come le illustrazione di Fito Holloway e Raquel Echenique, questa selezione di poesie cerca di trovare la sua potenza nell’immagine, nella suggestione poetica. Positiva o negativa che sia.

Questa malinconia che ha preso possesso
della sua zampa di ruggine non viene dalla 
fame né dalle meschine contingenze delle
creature.
È che il mondo finirà.

Il picchio vuole svegliare l’albero, distogliere il bosco dal suo incantesimo.
La balena è portatrice di un segreto antico come la nostra storia.
Il fagiano nasconde gli interrogativi di Dio e un fuoco atavico.

Queste alcune delle suggestioni nelle quali perdersi e, in base alla nostra soggettività, essere più o meno colpiti. Fortunatamente Mistral ha a disposizione un intero bestiario per riconciliarci con il mondo.

Su Mistral:


Gabriela Mistral: un ritratto poetico.

Autore: Gabriela Mistral
Traduttore: Giorgia Esposito, Maria Nicola
Editore: Edicola Ediciones
Collana: Illustrati
_______
tag #Cile #Poesia

Dal Cile:

TINTAS. 13 storie di fermento cileno.

TINTAS. 13 storie di fermento cileno.

Andrea PennywiseApr 13, 20185 min read

Roberto Bolaño, il più famoso scrittore cileno degli ultimi 30 anni, scrisse di come l’America latina fosse il manicomio d’Europa così come gli Stati Uniti ne erano stati la fabbrica, un manicomio che stava ancora bruciando nel proprio carbone. Tanti…

Le Vite Vulnerabili di Pablo Simonetti

Le Vite Vulnerabili di Pablo Simonetti

Andrea PennywiseMar 6, 20184 min read

Non conoscevo Pablo Simonetti, non avevo mai sentito parlare di questo scrittore cileno classe ’61 che con «Vite Vulnerabili», la sua raccolta di racconti d’esordio, strappò contro ogni pronostico gli apprezzamenti di Roberto Bolaño. Grazie a Lindau ho poi scoperto…

Camanchaca. Intervista a Diego Zúñiga

Camanchaca. Intervista a Diego Zúñiga

Andrea PennywiseDic 13, 20188 min read

È nella mia famelica e trasversale esplorazione della letteratura latinoamericana che mi sono imbattuto in Diego Zúñiga. Classe ’87 inserito nella “Bogotà39”, la lista delle voci under quaranta più interessanti del Sud America. Mi bastarono una manciata di racconti letti…